Sei qui: ParrocchiaChiesa di Santa Margherita

Chiesa Parrocchiale di Santa Margherita

santa-margherita-facciata

Edificio di grandi dimensioni, fu edificato negli ultimi anni del Settecento in stile neoclassico in sostituzione della più antica chiesa posta sull'altro lato della piazza. Le decorazioni e le pitture all'interno ad aula unica risalgono all'Ottocento inoltrato.

Di notevole importanza, l'artistico e monumentale organo, in forme neoclassiche, costruito nel 1835.

Il campanile, anch'esso di dimensioni ragguardevoli, fu realizzato negli anni quaranta dell'Ottocento.

santa-margherita-altare

santa-margherita-navata

 

VISITA VIRTUALE ALLA CHIESA DI S. MARGHERITA

Quella qui sopra è un'immagine panoramica esplorabile.

 

Conferenza del 22 marzo 2012 dell'arch. Antonello Marieni sulle chiese di Albese con Cassano presso il centro civico di Albese: parte 4 (S. Margherita)

 

Santa Margherita di Antiochia

 

Nasce ad Antiochia di Siria nella seconda metà del III secolo da genitori pagani. Viene educata alla fede cristiana dalla sua balia, una cristiana convinta.
Il governatore Olibrio cerca di distoglierla dal cristianesimo e vuole sposarla. Al governatore che la chiede in sposa, Margherita risponde di aver dedicato la sua vita a Gesù, suo sposo celeste: «Puoi pretendere che io rinunzi al cielo e scelga invece la polvere della terra?».
Olibrio, umiliato, dà ordine di bruciarle il corpo con fiaccole accese e di fustigarla. La leggenda vuole che alla prigioniera appaia un drago per sbranarla, che però scompare appena ella si fa il segno della croce. Anche le gravi ferite scompaiono miracolosamente. La notizia di questo miracolo si diffonde subito tra il popolo suscitando scalpore, tanto che alcuni si fanno battezzare. L'ira del governatore non conosce allora più limiti e ordina che la giovane venga decapitata sulla pubblica piazza.

È patrona dei contadini, delle partorienti, delle balie ed è invocata contro l'infertilità. 

Condividi questo articolo

Con amore che non conosce confini

La preghiera composta dai candidati all'ordinazione presbiteriale 2017 che loro stessi hanno composto.


Padre della vita, nel tuo disegno di salvezza ci hai creato e hai acceso in noi il desiderio di cercarti sempre, in ogni luogo e in ogni tempo.

Con amore che non conosce confini, nella sua Pasqua il tuo Figlio si è donato all’uomo umiliandosi fino alla condizione di servo e condividendo la sorte di chi si era perduto.

Manda lo Spirito su questi tuoi figli che hai scelto quali ser vi premurosi del tuo popolo, perché nel loro ministero risplendano sempre la gioia e la carità del Vangelo.

Maria, tesoro di misericordia, custodisca questi fratelli, perché siano riflesso della luce  del Crocifisso Risorto.

Amen.

Vai all'inizio della pagina

Questo sito utilizza i cookie per migliorarne l'esplorazione. Inoltre, contiene servizi forniti da terze parti come Facebook, Twitter, Linkedin, YouTube, Google e utilizza "Analytics", un servizio di analisi statistica fornito da Google. I cookie utilizzati da questi servizi non sono controllati da questo sito, invitiamo quindi gli utenti a verificare le informazioni relative a tali cookie direttamente dal sito di tali soggetti terzi. Cliccando su OK e/o proseguendo nella navigazione l’utente acconsente all’utilizzo di tali tecnologie per la raccolta e l’elaborazione di informazioni in conformità con i termini di uso dei cookies.

Privacy Policy